Ortopedia e Traumatologia

Dott. Gianluca Falcone

Medico Chirurgo Ortopedico Specializzato Divisione di Traumatologia dello sport e chirurgia del ginocchio presso Fondazione Universitaria Policlinico A. Gemelli IRCCS di Roma

La chirurgia ortopedica è un ramo della chirurgia che si interessa di risolvere o migliorare i disturbi che colpiscono l’apparato scheletrico.

Il chirurgo ortopedico è specializzato in interventi chirurgici alle strutture ossee e/o dell’articolazione.

Le patologie più frequenti che si possono presentare sono di diversa origine: degenerativa, infiammatoria e traumatica – del piede (alluce valgo, piede a martello e metatarsalgia) e delle articolazioni dell’anca, caviglia, ginocchio, gomito, polso e spalla (lesioni cartilaginee, ossee e legamentose).

Le procedure più utilizzate dallo specialista sono chirurgia mini-invasiva, artroscopia e chirurgia protesica.

Visite Specialistiche

Chirurgia mini invasiva del piede e della caviglia: questa tecnica permette di intervenire chirurgicamente senza dover intervenire con grandi incisioni come nelle operazioni a cielo aperto.
Tale procedura viene eseguita per piede, caviglia e spalla.

Chirurgia mano e polso: si tratta di una chirurgia di tipo correttivo e risolutivo delle patologie della mano e polso. Le patologie più frequenti sono: tenosinovite; malattia artrosica della mano; patologie canalicolari; sindrome del tunnel carpale; dito a scatto; malattia artrosica della mano (rizoartrosi o artrosi) e patologie del polso di tipo capsulo legamentoso e scheletrico.

Artroscopia articolazioni: è una tecnica mini-invasiva, che viene supportata dalla fibra ottica e consente di intervenire sulle articolazioni danneggiate senza dover eseguire grandi incisioni.
Tale procedura viene eseguita su caviglia, ginocchio, spalla e polso.

Traumatologia dello sport: settore specializzato della medicina che si occupa di curare e prevenire i traumi che si verificano durante lo svolgimento di una qualsiasi attività sportiva. Quindi, mira al recupero delle lesioni di atleti e sportivi, sia a livello amatoriale sia a livello sportivo.
Le lesioni più frequenti riguardano: distorsione alla caviglia; tendiniti; tendinopatie; strappi muscolari; lesioni della cartilagine e spalla. 

Chirurgia ricostruttiva e protesica delle estremità: consiste nella sostituzione delle articolazioni utilizzando delle protesi. Tale procedura viene eseguita per interventi su anca e ginocchio.

Metodologie e Prestazioni Diagnostiche e Interventistiche

  • Tecniche Artroscopiche
  • Tecniche a cielo aperto

Patologie Trattate

  • Patologie della mano, del polso, del piede e della caviglia
  • Patologie del Ginocchio
  • Trattamento percutaneo dell’avampiede (alluce valgo)

I pazienti mi cercano per...

(terminologie non scientifiche utilizzate dal paziente)

Tutte le patologie che interessano la mano:

  • Cisti sulla mano e/o sul polso (Cisti Sinoviali)
  • Dito A Scatto (Tenosinovite Stenosante)
  • Frattura del Metacarpo
  • Frattura delle Falangi
  • Lesione del Legamento Collaterale
  • Morbo di De Quervain
  • Morbo di Dupuytren
  • Rizoartrosi
  • Rottura Collaterale Ulnare del Pollice
  • Sindrome del Tunnel Carpale
  • Tumore del Polso
  • Tumore della Mano

Curriculum Vitae

Esperienza Professionale

  • Dal 29-12-03 al 3-12-04

Dirigente di I Livello a tempo determinato
Divisione di Ortopedia
Complesso Integrato Columbus
Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

  • Dall’01-02-05 al 31-01-06

Incarico libero professionale
Ortopedia e Traumatologia
Complesso Integrato Columbus
Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

  • Anno 2004-2005

Medico Sociale
Lazio S.P.A.

  • Anno 2005-2006
    Anno 2006-2007
    Anno 2007-2008

Medico Sociale
Roma Calcio Femminile

  • Anno 2009

Direttore tecnico
Centro Fisioterapia H2O

  • Dall’01/02/06

Attività libero professionale
Ortopedia e Traumatologia
Casa di Cura Villa Valeria, Roma

  • Dal 01/02/2006 to 31 /12/2018

Chirurgia Ortopedica
Casa di Cura Villa Valeria, Roma

  • Dal 1/1/2019

Consulente di Chirurgia Ortopedica
Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Formazione

  • 1992 – 1995

Frequenta la Facoltà di Medicina e Chirurgia – Università di Messina

  • 1995 – 1999

Frequenta la Facoltà di Medicina e Chirurgia – Università Cattolica del Sacro Cuore – Roma

  • 1997 – 1998

Studente interno presso la Clinica Ortopedica dell’Università Cattolica del Sacro Cuore – Roma

  • 21-07-1998

Laurea in Medicina e Chirurgia con 110/110 e Lode
Argomento della tesi di laurea: Le neoplasie ossee primitive ad istogenesi connettivale non osteoblastica

  • Maggio 1999

Abilitazione all’esercizio della professione medico chirurgica

  • 18/10/1999

Iscrizione all’albo dell’Ordine dei Medici

  • 1998 – 2003

Scuola di Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia
Istituto di Clinica Ortopedica
Università Cattolica – Roma

  • 10-11-2003

Specializzazione in Ortopedia e Traumatologia con 50/50 e Lode
Argomento della tesi di specializzazione: Valore diagnostico dei fattori di crescita e dei markers di proliferazione cellulare nel condrosarcoma dell’osso: studio immunoistochimico

Aree di ricerca e Attività Scientifica

Medico chirurgo ortopedico specializzato presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, il dott. Gianluca Falcone si occupa in particolare di Extremity (chirurgia piede e caviglia – mano e polso).
Attualmente fa parte della Divisione di traumatologia dello sport e chirurgia del ginocchio della Fondazione Universitaria Policlinico A. Gemelli IRCCS di Roma diretta dal dott. Ezio Adriani.

Aree di interesse

  • Chirurgia mini invasiva del piede e della caviglia
  • Chirurgia mano e polso
  • Artroscopia piccole articolazioni
  • Traumatologia dello sport
  • Chirurgia ricostruttiva e protesica delle estremità

Copyright 2021 - Tutti i diritti riservati. Milano Medica s.r.l. Via Filippo Turati 29, 20121 Milano | P.iva 10277160965 | REA: MI-2519164 | Cap.soc. 10.000€ | Direttore Sanitario: Dott. Stefano Bona (iscriz. Ordine dei Medici di Milano n. 33642) | Le informazioni contenute nel sito rispettano le linee guida inerenti l'applicazione degli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica