Onde d'urto: cosa sono

e quali benefici puoi ottenere nel processo di cura o guarigione

Le onde d’urto sono onde acustiche ad alta energia, utilizzate inizialmente nel trattamento dei calcoli renali già dal 1980 e poi applicate efficacemente anche per patologie del sistema muscolo-scheletrico (infiammazione dei tendini, lesioni muscolari).

Essendo un trattamento non invasivo, trovano impiego anche in medicina rigenerativa per la guarigione di ferite e per migliorare gli esiti di cicatrici.

Nella terapia del dolore le onde d’urto si trasmettono alle zone doloranti del corpo umano per mettere in pratica la loro azione terapeutica.

Grazie alle onde d’urto i processi di cura e guarigione possono essere accelerati, avviene una stimolazione del metabolismo insieme all’aumento dell’irrorazione sanguigna, quindi i tessuti danneggiati sono in grado di guarire ed essere rigenerati.

Quali patologie puoi trattare grazie alla terapia a onde d'urto?
  • Dolori alla tibia / periostite tibiale
  • Dolori al tendine / tallone d’Achille
  • Tendinite rotulea o ginocchio del saltatore
  • Gomito del tennista
  • Dolori cronici a livello della nuca / spalle
  • Dolori fasciali
  • Punti trigger
  • Dolori alla schiena
Risolvere la causa dei tuoi dolori muscolo-scheletrici è davvero possibile grazie alle onde d'urto?

Grazie a questa tipologia di terapia possono essere eliminati in modo mirato alterazioni patologiche specifiche di muscoli, ossa, tendini, legamenti, capsule articolari…

La terapia a onde d’urto extra corporea è un metodo privo di rischi ed effetti collaterali di rilevo, idoneo a trattare dolori muscolo-scheletrici se praticata da terapisti qualificati.

Onde d'urto Milano - Milano Medica
Come viene effettuato il trattamento onde d'urto?

Dopo un’attenta anamnesi viene localizzata dal terapista qualificato la zona dolorante tramite palpazione e viene spiegato al paziente il proprio quadro patologico.

In prossimità dalla zona da trattare al fine di introdurre le onde d’urto nel corpo senza perdita di energia viene applicato un apposito gel cutaneo. 

Successivamente si sottoscrive l’area interessata con contemporaneo rilascio delle onde d’urto.

Onde d'urto per la disfunzione erettile e visita Andrologica

Recenti scoperte in ambito scientifico hanno confermato l’efficacia delle onde d’urto a bassa energia nel miglioramento del microcircolo vascolare in casi di pazienti con disfunzione erettile.

Pertanto nei casi più lievi le onde d’urto possono favorire la guarigione del paziente o comunque aiutare il miglioramento della propria condizione clinica.

Grazie alla visita Andrologica è possibile stabilire i pazienti idonei a questo tipo di trattamento e in seguito valutare l’esito della terapia, monitorandone nel tempo l’efficacia per ottenere i migliori risultati possibili nel trattamento del paziente.

Non è necessaria nessun tipo di preparazione da parte del paziente, non sono stati riscontrati effetti collaterali e inoltre questa tecnica può essere impiegata senza controindicazioni in pazienti che sono sottoposti a trattamenti di prostatectomia.

Quanto dura il trattamento che puoi effettuare e con quale frequenza va ripetuto?

In base al singolo quadro patologico del paziente la durata di ogni singola seduta di trattamento può variare da 10 a 30 minuti e sono necessarie in media da 3 a 6 sedute a intervallo settimanale.

Quanto sono efficaci le onde d'urto nel trattamento di tue eventuali problematiche?

Dopo già solo una o due sedute diversi pazienti affermano di non avere più dolori o di avvertire un notevole sollievo dal dolore.

In questo modo il paziente potrebbe riacquisire insieme all’assenza di dolore e una nuova libertà di movimento una qualità di vita nettamente migliore.

Copyright 2021 - Tutti i diritti riservati. Milano Medica s.r.l. Via Filippo Turati 29, 20121 Milano | P.iva 10277160965 | REA: MI-2519164 | Cap.soc. 10.000€ | Direttore Sanitario: Dott. Stefano Bona (iscriz. Ordine dei Medici di Milano n. 33642) | Le informazioni contenute nel sito rispettano le linee guida inerenti l'applicazione degli artt. 55-56-57 del Codice di Deontologia Medica